Airzone Academy Airzone Academy Airzone Academy

Airzone blog

Rimani sintonizzato sulle nostre ultime news e progetti


24 Mar 23

Airzone blog

Cos´è la ionizzazione e perché va di moda come soluzione di purificazione dell´aria?

Molte persone provano una sensazione di benessere quasi inspiegabile, quando si trovano immersi nella natura in prossimità di acqua in movimento. Osservare le cascate, o il moto ondoso, produce spesso un sentimento di calma e stabilità, che si definisce a volte come “ricarica d’energia”, ma che risulta difficile da spiegare. In realtà, la spiegazione esiste.

Questa sensazione di benessere, si produce dall’impatto dell’acqua contro le rocce o altri materiali. Al colpire la superficie, le particelle dell’acqua rilasciano ioni negativi che puliscono l’aria, e producono così la sensazione di comfort. Il fenomeno in questione, che attiva il processo d’ionizzazione, è conosciuto come “Effetto fotoelettrico” o “Effetto Lenard”, in riferimento all’omonimo fisico Philipp Lenard.

Con le tecnologie di purificazione dell’aria indoor, si imita quest’effetto. La ionizzazione si applica quindi agli apparati di climatizzazione e oltre a produrre benessere, svolge uno dei compiti essenziali al momento: eliminare virus e batteri dagli spazi chiusi.

L’interesse per la ionizzazione si è intensificato durante gli ultimi mesi segnati dalla pandemia perché la priorità per assicurare aria indoor di qualità, è ovviamente più alta durante le crisi sanitarie.

ATTRAZIONE TRA PARTICELLE, LA CHIAVE DELLA IONIZZAZIONE

L’aria degli spazi interni è carica di particelle nocive.
Colloquialmente, parliamo di “aria sporca” o “inquinata”, tecnicamente si tratta di aria carica di particelle con carica positiva, cioè cationi. Queste particelle possono provocare malessere, mal di testa e alcune delle malattie respiratorie considerate gravi.

All’opposto, le particelle che producono benessere, sono quelle che in fisica si
conoscono come particelle con carica negativa, ovvero gli ioni.

Entrambi i tipi di particelle (positive e negative) si attraggono tra di loro secondo le leggi della fisica, e solamente quando sono di piccole dimensioni, possono rimanere nell’aria. La tecnologia d’ionizzazione sfrutta questa norma per purificare l’aria degli ambienti interni.

COME FUNZIONA LA IONIZZAZIONE NEI SISTEMI DI PURIFICAZIONE?

La ionizzazione è la tecnica che utilizzano le tecnologie di purificazione dell’aria per generare ioni ed espulsarli nell’ambiente.
Negli spazi chiusi, le particelle di carica positiva (e nociva) attraggono rapidamente questi ioni e aumentano la massa fino a non poterne sopportare il peso. Di conseguenza, cadono al pavimento e smettono di essere una molestia per chi respira nella stanza.

Così si evitano le malattie che queste particelle possono provocare con l’inalazione, e l’aria si trasforma in aria salubre e di qualità.

Una volta che le particelle cadono a terra, l’ideale è eliminarle dall’ambiente pulendo il pavimento. Anche se non vengono inalate, è importante ricordare che non spariscono, ma che si spostano, a causa del peso eccessivo.

CHE BENEFICI APPORTA LA IONIZZAZIONE?

Analogamente a ciò che succede in natura con l’“Effetto Lenard”, l’aria pulita degli spazi interni produce una sensazione di benessere. Questo non solo si riflette in un buono stato di salute generale, ma anche in un aumento di vitalità. La ionizzazione può aumentare infatti la capacità di concentrazione, evita l’insorgere di malattie e dà una sensazione di comfort negli spazi chiusi.

LA IONIZZAZIONE A CONFRONTO CON ALTRE OPZIONI DI PURIFICAZIONE DELL’ARIA

Il progresso tecnologico ha stimolato lo sviluppo di vari sistemi di purificazione dell’aria.
Questi sistemi eliminano le particelle che possono disturbarci quando le inaliamo respirando, facendo sparire le particelle di carica positiva.
Le tecniche di purificazione dell’aria sono molto utili per generare aria di qualità. Tra le più conosciute, oltre alla ionizzazione, troviamo la purificazione dell’aria tramite ozono, radiazione ultravioletta e tramite ossidazione fotocatalitica.
A differenza di questi metodi, la ionizzazione non comporta effetti secondari dannosi e può utilizzarsi in presenza di persone. Da qui, viene il successo di questa tecnica che attrae i principali fabbricanti di climatizzazione sul mercato.

Airzone include già la ionizzazione con la soluzione Easyzone.
Grazie all’ultima gamma innovativa, oltre a controllare i sistemi di climatizzazione con condotti dell’aria affinché rendano al massimo e risparmino energia, riducono il tempo di permanenza delle particelle nocive nell’aria con un chiaro obiettivo: respirare aria pulita!

Se vuoi saperne di più, iscriviti al Webinar.